Spiegazione
della
Santa Messa
di Dom Prosper Guéranger O.S.B
Abate di Solesmes (1805-1875)



XL - ITE, MISSA EST

Ordinariamente queste parole sono state tradotte con: "Andate, la Messa è finita", ma questo non è il senso proprio. Tale formula, usata dalla Chiesa, era adoperata dai Romani nelle assemblee pubbliche, per annunziare che la riunione era terminata. Così queste parole: Ite, concio missa est, volevano dire: "Andate, l'assemblea è terminata". Nei primi secoli non si usava la parola Messa, Missa, per designar il santo Sacrificio dell'altare. I fedeli si riunivano per il Sacrificio e, quando questo era terminato, il diacono congedava l'assemblea, come soleva farsi in ogni riunione pubblica. Più tardi introducendosi la parola missa, si finì per confonder i termini e, mettendo una "M" maiuscola a questa formula: Ite, Missa est, si tradusse a torto: "Andate, la Messa è detta".
Nelle Messe di penitenza, per esempio in Quaresima, invece dell'Ite, Missa est, il diacono dice (18): Benedicamus Domino. Non si congedano i fedeli, perché si pensa che in questi giorni di espiazione amino pregare più a lungo. L'Ite Missa est è, di conseguenza, un segno di gioia, perciò lo si sopprime nelle Messe di Requiem: niente è meno conveniente d'un canto di giubilo in una Messa nella quale tutto traluce tristezza e supplica.
Dopo che il diacono ha detto Ite Missa est, il sacerdote si rivolge verso l'altare ed, inchinandosi un poco e con le mani giunte, dice: Placeat tibi, sancta Trìnitas, obsequium servitutis meee: et praesta ut sacrificium, quod oculis tuae majestatis indignus obtuli, tibi sit acceptabile, mihique et omnibus, prò quìbus illud obtuli, sit, te miserante, propitiabile. Per Christum Dominum nostrum. Amen, "Ricevi favorevolmente, o Trinità santissima, l'omaggio della mia completa dipendenza, ed accetta il sacrificio che, quantunque indegno, ho offerto alla tua maestà. Fa', per tua misericordia, che sia propiziatorio per me e per tutti quelli per i quali l'ho offerto. Per Gesù Cristo Nostro Signore. Così sia". Questa preghiera è una specie di compendio nel quale il sacerdote ricorda alla Santissima Trinità ciò che ha fatto, pregandola di accettare questo Sacrificio e di renderlo proficuo per tutti coloro per i quali egli ha pregato.

NOTE

18) II Messale del 1962 prevede che alla fine della Messa si dica: Ite, Missa est e si risponda: Deo gratias, con le seguenti eccezioni:
a)       alla Messa vespertina della Cena del Signore seguita dalla solenne riposizione del Santissimo Sacramento e alle altre Messe seguite da una processione, si dice: Benedicamus Domino e si risponde: Deo gratis;
b)       durante l'ottava di Pasqua, alle Messe del Tempo, allíIte, Missa est e al seguente Deo gratias si aggiungono due Alleluia;
c)       alle Messe dei defunti si dice: Requiescant in pace e si risponde: Amen.


< precedente

indice

prossima >


È possibile richiedere il libro
La Santa Messa, Spiegazione delle preghiere e delle cerimonie della Santa Messa secondo alcune note raccolte dalle conferenze  di Dom Prosper Guéranger, Abate di Solesmes
al seguente indirizzo:
Suore Francescane dellíImmacolata, Monastero della Murate  , Via dei Lanari, 2  , 06012 CITTÀ DI CASTELLO (PG) 
tel/fax: 075-8555779 - posta elettronica: francescanecittacastelloATinterfree.it